Terapia diaframmatica

Gastriti, ernia jatale, reflussi, problemi intestinali, difficoltà digestiva, gonfiore sono patologie che possono derivare dall’abbassamento diaframmatico.

Cos’è il diaframma?

Il diaframma è il muscolo deputato alla respirazione e normalmente è situato all’interno della gabbia toracica.

In seguito a episodi della vita quali stress, spaventi, ecc.. questo può fuoriuscire dalla sua sede e andare a comprimere gli organi sottostanti quali stomaco e intestino causando patologie o sintomatiche tra le quali quelle inizialmente citate.

La terapia diaframmatica è utile alla risoluzione di questo problema riportando, in sede, il diaframma così risolvendo il fastidio.

Imparare una corretta respirazione è vettore fondamentale per un corretto uso diaframmatico.

Kinesis di Technogym

Kinesis ha lo scopo di fare da “ ponte “ tra la fase propriamente riabilitativa e quella del ritorno all’attività.
Kinesis è uno strumento versatile utilizzato per il trattamento di diverse tipologie di pazienti ( dagli anziani a sportivi ) e di traumi ( spalla, ginocchia, schiena ).
Kinesis viene utilizzato durante l’intero processo riabilitativo, dalle primissime fasi fino alla conclusione ( recupero totale del R.O.M. articolare ) per poi rendersi ottimale anche per la preparazione sportiva e potenziamento in carico e sovraccarico.

Con questo sofisticato macchinario si può lavorare a 360° sul paziente; braccia – spalle, addominali – muscoli paravertebrali, coscia – ginocchio:
- Riabilitazione alla spalla: dagli esercizi di base sui rotatori interni e esterni fino ai muscoli scapolari
- Riabilitazione del ginocchio: lavori specifici per il potenziamento e la stabilità del ginocchio con esercizi effettuati sia in contrazione concentrica che eccentrica
- Riabilitazione della schiena: lavori sulla fascia addominale e potenziamento del rachide in toto con anche esercizi posturali per il trattamento di cifisi, scoliosi e iperlordosi lombare.

Il Kinesis di Technogym è presente all’interno dello Studio Kinesis – med da Febbraio 2014.

Chinesiologo… dalla riabilitazione alla preparazione sportiva

Nella terapia fisica sono  presenti 3 figure: chinesiologo , fisioterapista  e osteopata .

Tutte convergono, come obiettivo finale, alla risoluzione della problematica del paziente ma ogniuna percorrendo la propria strada.

Il Chinesiologo ( ricordando che per essere iscritti all’elenco dell’Unione Nazionale Chinesiologi bisogna aver conseguito titolo universitario di Dottore in Scienze Motorie ) è una figura professionale che guarda l’organismo a 360° ovvero nella sua globalità; non appartiene alla natura di suddetta figura terapeutica la visione solo settoriale ( cioè ho male al cingolo scapolo omerale quindi tratto solo la spalla ) ma cerca sempre di risolvere, oltre al problema per il quale il paziente si rivolge al terapista, tutte le problematiche che affliggono l’intero fisico andando a lavorare alla sorgente del problema.

Nel caso di problematiche di origine posturale ( cioè ho un dolore osseo, articolare o muscolare senza aver subito un trauma ) la zona con la sintomatica dolorosa ( zona ipertonica ) non coincide con la causa ( zona ipotonica ); agire settorialmente significa andare a lavorare solo sulla parte che ha dolore senza risolvere il problema ma semplicemente sfiammando momentaneamente, invece, agire globalmente significa andare a ricercare la zona ipotonica che crea il problema, lavorare su questa, risolvendo quindi la situazione nella zona ipertonica.

Il Chinesiologo è una figura professionale che lavora dalla terapia fisica fino alla preparazione atletica; essendo quindi una figura completa, una volta risolto il problema in terapia fisica, il paziente, si può affidare al suo professionista per il potenziamento muscolare che è fondamentale per evitare il ritorno della problematica stessa.

Per gli sportivi agonisti, il Chinesiologo, si prende cura anche della preparazione atletica ( dopo logicamente la risoluzione della problematica) permettendo agli stessi di ritornare alla propria attività sportiva quanto prima.

Importanti sono anche le prestazioni metaboliche; il sovrappeso che spesso causa problematiche, oltre che estetiche, funzionali dell’organismo andando anche a incidere pesantemente su ossa, articolazioni e conseguente sull’intero apparato muscolare. Lo si può sconfiggere con un’opportuna attività che vada a bruciare i substrati energetici più profondi causando la scissione dei grassi chiamata Chinesiologia metabolica di dimagrimento oppure attività fisica adattata di dimagrimento. Il Chinesiologo impartisce al paziente il carico di lavoro e l’attività fisica adattata corretta cercando di raggiungere l’obiettivo concordardato con il paziente nel più breve tempo possibile. Come completamento non si può tralasciare una corretta educazione alimentare.

Tra artrosi e osteoporosi

L’età media della popolazione è in costante aumento. Una delle più frequenti condizioni patologiche connesse ai processi di invecchiamento è costituita dai processi degenerativi a carico di ossa e articolazioni.

La patologia a livello osseo è detta osteoporosi, invece a livello articolare, si può creare l’artrosi.

Soprattutto quest’ultima affligge la maggior parte della popolazione in particolar modo anziani.

Le ossa che compongono l’aticolazione sono dotate di capo articolare con superficie articolare che si appoggia a quella del relativo osso componente l’articolazione lasciando, tra i 2, uno spazio interosseo ( spazio articolare ) dove è situata la zona cartilaginea.

L’artrosi elimina proprio quest’ultima zona portando a contatto i 2 capi ossei che sfregando tra loro si usurano.

Attraverso una terapia fisica mirata e accurata e possibile cronicizzare o addirittura migliorare la natura articolare colpita da artrosi ricreando lo spazio articolare in modo tale da impedire l’usura dei capi ossei.

Un discorso da non tralasciare è quello muscolare; il muscolo si inserisce sull’osso quindi ha il potere di sgravare questo da qualsiasi gesto della vita quotidiana oppure semplicemente da il mantenimento del tono posturale basale evitando che tutto si scarichi a livello osseo o articolare.